Luca Figini

29 dic 2014

Luca Figini

“Siamo di fronte a una transizione d’epoca accelerata dalla pervasiva diffusione delle nuove tecnologie…la conoscenza è intesa sempre più come fattore di produzione…emerge una nuova socialità all’insegna di nuove comunità, tribù, social network che si aggregano secondo logiche emotive e al contempo consumistiche…è la società del flusso, liquida e della rete: nomadismo, sincretismo (tra patchwork e creatività), l’ironia, il vintage, l’apparenza, l’iper-realtà, la produzione su misura, il desiderio di slowliving”. Le parole di Gianpaolo Fabris, ottimo professore, lucido sociologo ed esperto di marketing che ho potuto apprezzare e ascoltare presso l’Università IULM ai tempi dell’ottenimento della mia laurea in RP e pubblicità, colgono e catturano in un’istantanea le velocissime trasformazioni in atto. E le richieste pressanti, esigenti, specialistiche che il mercato della comunicazione richiede, in un’era sempre più digitale. Da queste premesse la scelta di frequentare un Master improntato sull’acquisizione di conoscenze applicate e declinate in una più ampia programmazione strategica per progetti di comunicazione multimediale ha coinciso con la proposta formativa chiara e ben declinata dalla gentilissima e professionale Responsabile di Sede di Up level. I contenuti proposti dalla scuola di management si stanno rivelando densi e multidisciplinari, senza trascurare l’apprendimento degli applicativi Adobe, ben insegnati dai bravi Fausto e Leonardo Nenci. Il corso potrebbe essere ancora più stimolante con l’introduzione di un modulo dedicato alle nozioni basilari e alle tecniche adottate in fase di definizione dell’architettura dell’informazione così come il riconoscimento e l’adozione di criteri di usabilità correlati alla progettazione di un sito web. Non è tutto: colpisce la forma mentis dei docenti e dello staff di Up level nel trasmettere il modello di learning by doing e la propensione all’utilizzo di percorsi digitali per reperire informazioni e risorse nel vasto mondo del Web. Una [i]vision[/i] che ben si esplica nel pensiero di un noto professionista americano: “[i]…The true professional [who] will be an adroit strategist, a creative technician and a skilled facilitator – a friend of technology and an exponent of life-long learning. The future is a global voyage into the art and science of communication, where the successful communicator will be like the men and women of the Renaissance, pulling it all together, but in the high tech environment of the 21st century[/i]”. Sono convinto che questa sia la strada da intraprendere per entrare e rimanere competitivi nel mondo del lavoro. Con Up level non potevo iniziare meglio: ancor prima di terminare la formazione mi è stata segnalata dalla scuola una possibilità di stage e… sono entrato in [u]Magneti Marelli[/u], azienda del Gruppo Fiat. Ringrazio la Dott.ssa Rubatto, Tutor sempre disponibile e puntuale, che mi ha seguito passo a passo nell’ingresso in questa nuova realtà lavorativa.

Luca Figini

Commenta